Fachverlag und Nachrichtenagentur

I sali di citrato sono senza dubbio efficaci nella prevenzione dei calcoli renali

 

UPPER URINARY TRACT Cottingham – mechentel news – I calcoli renali compaiono in tutto il mondo con un elevato tasso di ricorrenza malgrado il trattamento. Le persone con basse concentrazioni di citrati nelle urine sono più soggette alle recidive, perché hanno più probabilità di calcoli di fosfato di calcio e di ossalato di calcio. Una terapia orale a base di citrati aumenta la concentrazione urinaria di citrati che legano il calcio e inibiscono quindi la cristallizzazione e di conseguenza quindi riducono la formazione di calcoli. Ma nonostante questo uso preventivo e terapeutico della terapia orale a base di citrati, rimane non chiarita la prova definitiva dell‘efficacia clinica. A questo scopo, Rebecca Phillips et al. del Department of Urology presso l’Hull and East Yorkshire Hospitals NHS Trust des Castle Hill Hospitals di Cottingham, UK, presentano una review che esamina l’efficacia e le complicanze collegate ai sali di citrato nell’impiego contro i calcoli renali contenenti calcio. I ricercatori hanno esaminato il Cochrane Kidney and Transplant Specialised Register fino al 29 luglio 2015 secondo termini rilevanti e studi di controllo randomizzati che hanno affrontato l‘obiettivo indicato in precedenza e trattato i pazienti adulti per almeno sei mesi. Due autori hanno valutato la rilevanza degli studi prima dell’estrazione dei dati secondo criteri precedentemente stabiliti. Con l’ausilio del modello degli effetti random, è stata condotta una valutazione complessiva dell‘efficacia. I risultati sono stati riportati come quote di rischio (rapporto di rischio, RR) per gli endpoint dicotomici e differenze tra medie (MD) per gli endpoint continui. Infine, sono stati inclusi sette studi con 477 partecipanti in totale, di cui la maggior parte presentava calcoli di ossalati. Tre di questi studi (247 partecipanti) hanno paragonato il citrato di potassio con un placebo o con nessun intervento; altri tre studi (166 partecipanti) hanno messo a confronto il citrato di potassio-sodio con nessun intervento e il rimanente studio (64 partecipanti) ha confrontato il citrato di potassio-magnesio con un placebo. Complessivamente, la qualità del reporting nei sette studi è stato considerato moderata / carente e in due studi era presente un elevato rischio di bias di attribuzione. Rispetto al placebo o all’assenza di intervento, la terapia a base di citrati ha ridotto significativamente le dimensioni dei calcoli (quattro studi, 160 partecipanti; RR: 2,35; intervallo di confidenza [IC] 95%: 1,36 – 4,05). Anche la formazione di calcoli è stata significativamente più bassa in terapia a base di citrati (sette studi, 324 partecipanti; RR: 0,26; IC 95%: 0,10 – 0,68). Anche un effetto vantaggioso sulle dimensioni dei calcoli è stato rilevabile (quattro studi, 160 partecipanti; RR: 1,97; IC 95%: 1,19 – 3,26). In quattro studi sono state segnalate delle complicanze e i disturbi gastrointestinali inferiori sono stati gli effetti collaterali più frequenti e solo in un paziente è comparsa un‘eruzione cutanea. Anche se nel gruppo citrato sono comparse più complicanze gastrointestinali, ciò non è stato significativo (quattro studi, 271 partecipanti; RR: 2,55; IC 95%: 0,71 – 9,16). Tuttavia ci sono stati più ritiri a causa delle complicanze della terapia a base di citrati rispetto al controllo (quattro studi, 271 partecipanti; RR: 4,45; IC 95%: 1,28 – 15,50). Infine, un ulteriore trattamento dei pazienti in terapia con citrati è stato significativamente più raro rispetto ai controlli (due studi, 157 partecipanti; RR: 0,22; IC 95%: 0,06 – 0,89). Gli autori della review pubblicata a ottobre 2015 nel Cochrane Database of Systematic Reviews concludono che i sali di citrato proteggono dalla formazione di nuovi calcoli e riducono l’ulteriore sviluppo dei calcoli in pazienti con calcoli residui, che contengono soprattutto ossalati. La qualità della letteratura di riferimento rimane tuttavia carente, rendendo necessario uno studio di controllo multicentrico randomizzato statisticamente significativo ben strutturato, per dare una risposta alle domande pertinenti riguardanti l‘efficacia dei sali di citrato. (ut)

Autori: Phillips R, Hanchanale VS, Myatt A, Somani B, Nabi G, Biyani CS. Corrispondenza: C Shekhar Biyani, Department of Urology, St James‘s University Hospital, Leeds, LS9 7TF, UK. Electronic address: shekharbiyani@hotmail.com. Studio: Citrate salts for preventing and treating calcium containing kidney stones in adults. Fonte: Cochrane Database Syst Rev. 2015 Oct 6; (10):CD010057. doi: 10.1002/14651858.CD010057.pub 2. Web: http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1002/14651858.CD010057.pub2/abstract;jsessionid=61237117BA4E2C02BF0C3BC5DFBFE2A4.f04t01

COMMENTO Il citrato, è una la sostanza che agisce non solo nella prevenzione, ma che può persino sciogliere i calcoli renali (1). Forse è impiegato troppo raramente nella pratica clinica.

© 2022  mechentel medizin
Fachverlag und Nachrichtenagentur